Passa ai contenuti principali

Ghostbusters 3: Dan Aykroyd conferma il progetto



Se noti qualcosa di strano nel tuo quartiere, se assisti a qualcosa di inspiegabile, chi chiamerai?

Chiama il 555 2368

L'8 giugno del 1984 il mondo conobbe i Ghostbusters attraverso un film cult che diede inizio ad un franchise di successo che coinvolse diversi media, approdò nel mondo dei giocattoli e in quello delle pubblicazioni.

Per una dettagliata analisi del franchise Ghostbusters vi rimando all'esaustivo articolo dell'amico Mikimoz di Moz O'Clock:



Noi invece ci soffermeremo sui rumors circa un possibile terzo capitolo con gli attori principali che tornano ad interpretare i mitici acchiappafantasmi (eccezion fatta per il compianto Harold Ramis) dopo lo scempio che è stato il film del 2016.


Di un possibile Ghostbusters 3 si parla ormai da anni ma il progetto non è mai stato ufficializzato, vuoi perché in un qualche modo il tema è passato di moda, vuoi per la paura di rovinare un'immagine cult e non per ultimo perché Bill Murray continuava a ripetere che mai e poi mai sarebbe tornato ad indossare i panni di Peter Venkman.

Fatto sta che Dan Aykroyd si dice da tempo convinto di riuscire a rimettere in piedi il progetto anche senza la presenza di Murray/Venkman (che potrebbe comunque apparire come fantasma), dichiarazione che avrebbe confermato qualche settimana fa in una nota trasmissione televisiva americana (The Big Interview With Dan Rather).

Sembra proprio che Ghostbusters 3 si farà nonostante le opposizioni di Murray (che durano ormai da anni) e lo scetticismo dell'ambiente e se a metterci le mani sopra è lo stesso Aykroid le premesse non possono che essere buone.

E magari riusciamo a dimenticare quella schifezza del 2016.

Who you gonna call?


Commenti

  1. Grazie per la menzione!
    Comunque sì, se ci lavora gente competente e che ha avuto a che fare con la saga, le speranze possono essere ottime...
    E poi penso che sia per fortuna finita (o quasi) l'epoca degli stravolgimenti. Quindi... :)

    Moz-

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Troy e l’Iliade: ho fatto chiarezza

No, non parleremo di Troy, il film del 2004 con Brad Pitt, Sean Bean ed Eric Bana ma di Troy: fall of a city, una miniserie creata e trasmessa da Netflix nel 2018 che ha fatto tanto parlare di sé, soprattutto in negativo, e che ho deciso di vedere insieme a mio padre durante le vacanze natalizie appena trascorse.


Dopo averla vista ho capito che necessitavo di un ripasso dell’Iliade e di fare un po’ di chiarezza sui miti greci.
L’Iliade di Omero è da molti (erroneamente) considerata come il poema epico che racconta della guerra di Troia invece, in realtà, si concentra sui 51 giorni dell’ira di Achille, periodo in cui l’eroe acheo ha determinato con le sue azioni i destini di due popoli. Già, ma in che modo?

Lo sbarco sulla Luna, l'Overlook Hotel e Kubrick

Comincia tutto con un video



Rientro dalle vacanze: tre curiosità scientifiche e i Righeira

Quando ero piccolo, peggio della fine dell'estate, dei giochi in spiaggia, delle lunghe mattinate di sonno e dei pomeriggi senza fine e senza pensieri c'era solo una cosa.

La terribile L'estate sta finendo dei Righeira che qualcuno si ostinava ad ascoltare, a canticchiare o solo a citare OGNI MALEDETTO ANNO.


La odiavo allora e la odio tutt'ora. Un'odio intramontabile.

Fatto sta che, però, le ferie sono davvero finite.


Ritornare davanti a una tastiera dopo parecchie settimane di stop è un’esperienza particolare. Cosa scrivi? Durante le ferie ho messo da parte un bel po’ di roba di cui voglio parlare nelle prossime settimane ma, quale argomento è più adatto a riaprire il blog dopo le vacanze?
Facciamo così: vi parlo di tre fatti scientifici che ho letto durante l’estate e sebbene avessi già studiato qualcosa in proposito mi ha stupito come dietro alla loro apparente banalità si celino delle teorie che semplici non sono per niente (delle quali non parleremo).
Per la …