Passa ai contenuti principali

Ghostbusters 3: Dan Aykroyd conferma il progetto



Se noti qualcosa di strano nel tuo quartiere, se assisti a qualcosa di inspiegabile, chi chiamerai?

Chiama il 555 2368

L'8 giugno del 1984 il mondo conobbe i Ghostbusters attraverso un film cult che diede inizio ad un franchise di successo che coinvolse diversi media, approdò nel mondo dei giocattoli e in quello delle pubblicazioni.

Per una dettagliata analisi del franchise Ghostbusters vi rimando all'esaustivo articolo dell'amico Mikimoz di Moz O'Clock:



Noi invece ci soffermeremo sui rumors circa un possibile terzo capitolo con gli attori principali che tornano ad interpretare i mitici acchiappafantasmi (eccezion fatta per il compianto Harold Ramis) dopo lo scempio che è stato il film del 2016.


Di un possibile Ghostbusters 3 si parla ormai da anni ma il progetto non è mai stato ufficializzato, vuoi perché in un qualche modo il tema è passato di moda, vuoi per la paura di rovinare un'immagine cult e non per ultimo perché Bill Murray continuava a ripetere che mai e poi mai sarebbe tornato ad indossare i panni di Peter Venkman.

Fatto sta che Dan Aykroyd si dice da tempo convinto di riuscire a rimettere in piedi il progetto anche senza la presenza di Murray/Venkman (che potrebbe comunque apparire come fantasma), dichiarazione che avrebbe confermato qualche settimana fa in una nota trasmissione televisiva americana (The Big Interview With Dan Rather).

Sembra proprio che Ghostbusters 3 si farà nonostante le opposizioni di Murray (che durano ormai da anni) e lo scetticismo dell'ambiente e se a metterci le mani sopra è lo stesso Aykroid le premesse non possono che essere buone.

E magari riusciamo a dimenticare quella schifezza del 2016.

Who you gonna call?


Commenti

  1. Grazie per la menzione!
    Comunque sì, se ci lavora gente competente e che ha avuto a che fare con la saga, le speranze possono essere ottime...
    E poi penso che sia per fortuna finita (o quasi) l'epoca degli stravolgimenti. Quindi... :)

    Moz-

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tomb Raider e la crisi della coerenza

Da pochi giorni è uscito nella sale italiane Tomb Raider, reboot della serie di film ispirati ad una delle eroine videoludiche più famose di sempre: Lara Croft. 
Con negli occhi lo scempio dei primi due film con Angelina Jolie e la bellezza degli ultimi due capitoli del videogioco ho deciso di andarlo a vedere allettato dall'idea di vedere Alicia Vikander nella parte della bella Lara e nella speranza di vedere un film decente basato su uno dei miei (pochi) videogiochi preferiti.
Purtroppo non è stato così.

28 giorni/settimane dopo… ce ne fossero di film così!

La scena si apre su un giovane che si sveglia in un ospedale all'apparenza abbandonato. 
Appena uscito dalla struttura si accorge di essere da solo in mezzo a una città stranamente e paurosamente vuota. In men che non si dica si trova ad essere inseguito da alcune persone dal comportamento molto aggressivo, che sbavano e sanguinano abbondantemente e viene salvato dall'intervento di due tizi e, no, non è l’inizio di The Walking Dead anche se ci somiglia (in modo fastidioso) fin troppo.
Voglio togliermi subito il sassolino dalla scarpa.

Una chiacchierata sul Marvel Cinematic Universe [con ospite]

Ben atterrati, oggi si parla di cinecomics e del Marvel Cinematic Universe e lo facciamo con un gradito ospite del blog, un amico, un abile disegnatore ma, anche, un conoscitore del mondo fumettistico Marvel.

Pietro, benvenuto su Pulp Standoff.

Ciao e grazie per avermi interpellato su questo argomento. Il Marvel Cinematic Universe da ben 20 anni fabbrica banconote a livello industriale, anche se io preferisco di più la versione cartacea.
In un fumetto come in una qualsiasi arte, vedi la pittura o la musica, hai più libertà di espressione, non hai limiti, cosa che invece il cinema purtroppo ha. Vuoi per i costi, vuoi per i troppi contenuti da racchiudere in due ore mezza, fatto sta che la maggior parte delle volte non riesce ad esprimere tutto il potenziale che il fumetto mette a disposizione. Nonostante ciò funziona alla grande, diverte, intrattiene, a volte commuove. Fotografia ed effetti speciali sono a dir poco spettacolari (vedi l'ultimo Thor), abbiamo una schiera di attori nie…