Passa ai contenuti principali

Dylan Dog, gli alieni e i bambini indaco



Nelle puntate precedenti (non trasmesse da Pulp Standoff bensì da Moz O’Clock, il post lo trovate seguendo questo link):

Mancano 13 numeri ad un evento importantissimo nella storia fumettistica dell’indagatore dell’incubo, nessuno sa di cosa si tratti, ma pare sia una cosa grossa: Dylan ha scoperto una verità sensazionale che riguarda il destino del mondo intero.

In questo secondo episodio, intitolato Esercizio numero 6, invece, il nostro dandy dell'incubo dovrà vedersela con bambini dai poteri sovrannaturali.



Il format però non è originale ma somiglia per molti versi a Il villaggio dei dannati, film del 1960 diretto da Wolf Rilla.

La tranquilla vita nella cittadina inglese di Midwich viene scombussolata quando tutti gli abitanti svengono contemporaneamente e rimangono in questo stato per molte ore. Al loro risveglio vengono informati che l’esercito si è mobilitato per scoprire la causa dell’evento ma anche che non è arrivato a capo di nulla. Dopo qualche settimana tutte le donne del paese si ritrovano ad essere incinta e dopo una gravidanza eccezionalmente breve partoriscono tutte lo stesso giorno dei bambini biondi, dello stesso peso e con lo stesso inquietante sguardo.

Oddio, non così inquietante...


...ecco, così va bene

Nonostante l’inspiegabilità della cosa la vita a Midwich continua a scorrere ma i bambini biondi tendono a fare gruppo e a mostrare una curiosa quanto veloce crescita cognitiva: se uno del gruppo impara una nozione allora la sanno tutti, inoltre riescono a controllare le azioni delle altre persone e a leggere nel pensiero.

Provateci pure, mocciosi!

Il dottor Gordon Zellaby, padre di uno di questi ragazzi, ottiene dal governo il permesso di fare da tutore allo strano gruppo di ragazzi così si convince di essere di fronte a misteriose entità aliene che progettano l’invasione e l’assoggettamento dell’intero pianeta Terra.


Mettetevi in fila saputelli!!




Nevvero!!


Il finale non ve lo svelo.

Nel 1995 il regista John Carpenter ha realizzato un remake di questo classico di fantascienza con più o meno la stessa storia ma con scene più esplicite. E’ questo l’ultimo film in cui reciterà Christopher Reeve prima del tragico incidente che metterà fine alla sua carriera.

Entrambi i film intitolati Il villaggio dei dannati, così come il sequel La stirpe dei dannati e Esercizio numero 6 si ispirano però al romanzo che ha dato inizio a questa storia:

I figli dell’invasione di John Wyndham



Il romanzo di Wyndham è stato concepito in un periodo in cui non si doveva per forza stupire il pubblico e non si usavano i meri trucchetti di marketing di oggi per ingraziarsi quanti più consensi possibili per cui va dritto al cuore del problema:

Ci sono questi bambini posseduti da alieni che minacciano il futuro della razza umana. Che fai?

Il dubbio etico sulla possibilità di uccidere dei bambini anche se potenzialmente alieni invasori è la chiave di volta dell’intero romanzo. Se amate la fantascienza e le storie ad alto contenuto di tensione I figli dell’invasione fa per voi.

Ma veniamo a Esercizio Numero 6



La nuova storia di Dylan Dog sta a metà strada tra un episodio degli X-Men e i film derivati dal romanzo di Wyndham.

La storia è insipida e con poco mordente, sembra più un filler in attesa di qualcosa di più importante che purtroppo in questo albo non arriva mai. Non voglio iscrivermi al gruppo dei criticoni sulla nuova gestione delle avventure di Dylan ma penso che si possa fare molto meglio in quanto a storyline e tensione narrativa.

Vedremo nel prossimo numero.

Su una cosa però questo albo di Dylan Dog ha centrato il bersaglio. Ho letto in giro sul web che Il villaggio dei dannati è in qualche modo legato alla teoria dei bambini indaco e che la chiave di lettura aliena sia in realtà un espediente cinematografico per smorzare l'entusiasmo dei sostenitori di quest'ultima. Esercizio numero 6 sembra ammiccare positivamente nei confronti di questa teoria.

Sia come sia,

buona vita a tutti

Commenti

Post popolari in questo blog

Tomb Raider e la crisi della coerenza

Da pochi giorni è uscito nella sale italiane Tomb Raider, reboot della serie di film ispirati ad una delle eroine videoludiche più famose di sempre: Lara Croft. 
Con negli occhi lo scempio dei primi due film con Angelina Jolie e la bellezza degli ultimi due capitoli del videogioco ho deciso di andarlo a vedere allettato dall'idea di vedere Alicia Vikander nella parte della bella Lara e nella speranza di vedere un film decente basato su uno dei miei (pochi) videogiochi preferiti.
Purtroppo non è stato così.

28 giorni/settimane dopo… ce ne fossero di film così!

La scena si apre su un giovane che si sveglia in un ospedale all'apparenza abbandonato. 
Appena uscito dalla struttura si accorge di essere da solo in mezzo a una città stranamente e paurosamente vuota. In men che non si dica si trova ad essere inseguito da alcune persone dal comportamento molto aggressivo, che sbavano e sanguinano abbondantemente e viene salvato dall'intervento di due tizi e, no, non è l’inizio di The Walking Dead anche se ci somiglia (in modo fastidioso) fin troppo.
Voglio togliermi subito il sassolino dalla scarpa.

Una chiacchierata sul Marvel Cinematic Universe [con ospite]

Ben atterrati, oggi si parla di cinecomics e del Marvel Cinematic Universe e lo facciamo con un gradito ospite del blog, un amico, un abile disegnatore ma, anche, un conoscitore del mondo fumettistico Marvel.

Pietro, benvenuto su Pulp Standoff.

Ciao e grazie per avermi interpellato su questo argomento. Il Marvel Cinematic Universe da ben 20 anni fabbrica banconote a livello industriale, anche se io preferisco di più la versione cartacea.
In un fumetto come in una qualsiasi arte, vedi la pittura o la musica, hai più libertà di espressione, non hai limiti, cosa che invece il cinema purtroppo ha. Vuoi per i costi, vuoi per i troppi contenuti da racchiudere in due ore mezza, fatto sta che la maggior parte delle volte non riesce ad esprimere tutto il potenziale che il fumetto mette a disposizione. Nonostante ciò funziona alla grande, diverte, intrattiene, a volte commuove. Fotografia ed effetti speciali sono a dir poco spettacolari (vedi l'ultimo Thor), abbiamo una schiera di attori nie…