Passa ai contenuti principali

Dylan Dog, gli alieni e i bambini indaco



Nelle puntate precedenti (non trasmesse da Pulp Standoff bensì da Moz O’Clock, il post lo trovate seguendo questo link):

Mancano 13 numeri ad un evento importantissimo nella storia fumettistica dell’indagatore dell’incubo, nessuno sa di cosa si tratti, ma pare sia una cosa grossa: Dylan ha scoperto una verità sensazionale che riguarda il destino del mondo intero.

In questo secondo episodio, intitolato Esercizio numero 6, invece, il nostro dandy dell'incubo dovrà vedersela con bambini dai poteri sovrannaturali.



Il format però non è originale ma somiglia per molti versi a Il villaggio dei dannati, film del 1960 diretto da Wolf Rilla.

La tranquilla vita nella cittadina inglese di Midwich viene scombussolata quando tutti gli abitanti svengono contemporaneamente e rimangono in questo stato per molte ore. Al loro risveglio vengono informati che l’esercito si è mobilitato per scoprire la causa dell’evento ma anche che non è arrivato a capo di nulla. Dopo qualche settimana tutte le donne del paese si ritrovano ad essere incinta e dopo una gravidanza eccezionalmente breve partoriscono tutte lo stesso giorno dei bambini biondi, dello stesso peso e con lo stesso inquietante sguardo.

Oddio, non così inquietante...


...ecco, così va bene

Nonostante l’inspiegabilità della cosa la vita a Midwich continua a scorrere ma i bambini biondi tendono a fare gruppo e a mostrare una curiosa quanto veloce crescita cognitiva: se uno del gruppo impara una nozione allora la sanno tutti, inoltre riescono a controllare le azioni delle altre persone e a leggere nel pensiero.

Provateci pure, mocciosi!

Il dottor Gordon Zellaby, padre di uno di questi ragazzi, ottiene dal governo il permesso di fare da tutore allo strano gruppo di ragazzi così si convince di essere di fronte a misteriose entità aliene che progettano l’invasione e l’assoggettamento dell’intero pianeta Terra.


Mettetevi in fila saputelli!!




Nevvero!!


Il finale non ve lo svelo.

Nel 1995 il regista John Carpenter ha realizzato un remake di questo classico di fantascienza con più o meno la stessa storia ma con scene più esplicite. E’ questo l’ultimo film in cui reciterà Christopher Reeve prima del tragico incidente che metterà fine alla sua carriera.

Entrambi i film intitolati Il villaggio dei dannati, così come il sequel La stirpe dei dannati e Esercizio numero 6 si ispirano però al romanzo che ha dato inizio a questa storia:

I figli dell’invasione di John Wyndham



Il romanzo di Wyndham è stato concepito in un periodo in cui non si doveva per forza stupire il pubblico e non si usavano i meri trucchetti di marketing di oggi per ingraziarsi quanti più consensi possibili per cui va dritto al cuore del problema:

Ci sono questi bambini posseduti da alieni che minacciano il futuro della razza umana. Che fai?

Il dubbio etico sulla possibilità di uccidere dei bambini anche se potenzialmente alieni invasori è la chiave di volta dell’intero romanzo. Se amate la fantascienza e le storie ad alto contenuto di tensione I figli dell’invasione fa per voi.

Ma veniamo a Esercizio Numero 6



La nuova storia di Dylan Dog sta a metà strada tra un episodio degli X-Men e i film derivati dal romanzo di Wyndham.

La storia è insipida e con poco mordente, sembra più un filler in attesa di qualcosa di più importante che purtroppo in questo albo non arriva mai. Non voglio iscrivermi al gruppo dei criticoni sulla nuova gestione delle avventure di Dylan ma penso che si possa fare molto meglio in quanto a storyline e tensione narrativa.

Vedremo nel prossimo numero.

Su una cosa però questo albo di Dylan Dog ha centrato il bersaglio. Ho letto in giro sul web che Il villaggio dei dannati è in qualche modo legato alla teoria dei bambini indaco e che la chiave di lettura aliena sia in realtà un espediente cinematografico per smorzare l'entusiasmo dei sostenitori di quest'ultima. Esercizio numero 6 sembra ammiccare positivamente nei confronti di questa teoria.

Sia come sia,

buona vita a tutti

Commenti

Post popolari in questo blog

Troy e l’Iliade: ho fatto chiarezza

No, non parleremo di Troy, il film del 2004 con Brad Pitt, Sean Bean ed Eric Bana ma di Troy: fall of a city, una miniserie creata e trasmessa da Netflix nel 2018 che ha fatto tanto parlare di sé, soprattutto in negativo, e che ho deciso di vedere insieme a mio padre durante le vacanze natalizie appena trascorse.


Dopo averla vista ho capito che necessitavo di un ripasso dell’Iliade e di fare un po’ di chiarezza sui miti greci.
L’Iliade di Omero è da molti (erroneamente) considerata come il poema epico che racconta della guerra di Troia invece, in realtà, si concentra sui 51 giorni dell’ira di Achille, periodo in cui l’eroe acheo ha determinato con le sue azioni i destini di due popoli. Già, ma in che modo?

Lo sbarco sulla Luna, l'Overlook Hotel e Kubrick

Comincia tutto con un video



Rientro dalle vacanze: tre curiosità scientifiche e i Righeira

Quando ero piccolo, peggio della fine dell'estate, dei giochi in spiaggia, delle lunghe mattinate di sonno e dei pomeriggi senza fine e senza pensieri c'era solo una cosa.

La terribile L'estate sta finendo dei Righeira che qualcuno si ostinava ad ascoltare, a canticchiare o solo a citare OGNI MALEDETTO ANNO.


La odiavo allora e la odio tutt'ora. Un'odio intramontabile.

Fatto sta che, però, le ferie sono davvero finite.


Ritornare davanti a una tastiera dopo parecchie settimane di stop è un’esperienza particolare. Cosa scrivi? Durante le ferie ho messo da parte un bel po’ di roba di cui voglio parlare nelle prossime settimane ma, quale argomento è più adatto a riaprire il blog dopo le vacanze?
Facciamo così: vi parlo di tre fatti scientifici che ho letto durante l’estate e sebbene avessi già studiato qualcosa in proposito mi ha stupito come dietro alla loro apparente banalità si celino delle teorie che semplici non sono per niente (delle quali non parleremo).
Per la …