Arctic, la sopravvivenza è la protagonista



Sopravvivere al Polo Nord


Un uomo che deve combattere contro un territorio e un clima ostili alla vita umana e nessun altro fronzolo narrativo: questo è Arctic, film del 2018 del film-maker brasiliano Joe Penna.

Un uomo di nome Overgard (Mads Mikkelsen) è prigioniero dei ghiacci del Polo Nord dopo quello che sembra essere un evidente incidente aereo e, mentre aspetta i soccorsi, si impegna in attività giornaliere per garantirsi la sopravvivenza in un ambiente decisamente ostile. Tutti i giorni pesca, esplora un pezzo di territorio circostante alla carlinga devastata in cui vive e si reca sulle alture vicine per cercare canali radio o intercettare trasmissioni e chiedere aiuto. Un giorno, del tutto casualmente, intercetta il segnale radio di un elicottero che sta sorvolando la zona e i suoi patimenti sembrano avere finalmente fine ma in realtà sarà solo l’inizio della vera avventura di sopravvivenza.


Arctic è un film che ti tiene incollato allo schermo a chiederti in sostanza due cose:

  1. Adesso cosa farà Overgard?
  2. Io cosa avrei fatto?

Se parliamo di sfida Uomo-Natura, istinto di sopravvivenza e scelte difficili, Overgard rappresenta chiunque di noi si trovi alle prese con una situazione limite. Come si capisce mentre il film va avanti, Overgard è preparato a gestire un consistente ventaglio di situazioni, ha le conoscenze giuste per resistere in quell'ambiente ma l’animo umano deve nutrirsi di speranza per non abbattersi e in un territorio completamente bianco dove qualsiasi elemento sembra essere contrario all'esistenza della vita umana, trovare un briciolo di speranza sembra essere quasi un miracolo.

Arctic mi ha colpito, oltre che per l’ennesima prova della grande espressività e bravura di Mads Mikkelsen, per la costruzione basilare della storia che racconta. Nella ripetitività dei gesti di Overgard, nel suo essere pragmatico, pratico, nei suoi momenti di scoramento e poi, successivamente, di estremo coraggio risiede tutto il suo spirito di sopravvivenza.

E poi, quale metafora sulla scelta della strada da seguire può essere più azzeccata di un terreno completamente bianco, che cela sotto la neve svariati pericoli? Quale metafora sulla vita è più aderente dell’avventura di Overgard?


Arctic è un film che fa riflettere.

 

Per ora è tutto gente, buona vita.


Commenti

  1. Questo proprio non fa per me, nonostante possa riconoscere che sembra intrigante e stimolante. Ma spazi freddi, enormi e per questo desolanti... non mi attirano molto...
    Finisce bene?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà non saprei...il finale è coraggioso

      Elimina

Posta un commento