Passa ai contenuti principali

Post

Mr. Nobody, una domanda lunga 141 minuti

Si dice che ciascuno di noi sia il risultato delle proprie scelte: tanto di quelle positive quanto di quelle negative. 
Che dire allora delle scelte non fatte, dei momenti in cui abbiamo deciso di non scegliere?
Non scegliere è una scelta e in quanto tale comporta delle responsabilità.
Ma se sapessimo dove ci porterà ciascuna delle possibilità tra cui possiamo scegliere allora sarebbe più facile scegliere? Oppure sarebbe ancora più difficile?
Quello che all'apparenza sembra un film di fantascienza – Mr. Nobody – è in realtà un lungo quesito filosofico sull'importanza della scelta, sulla percezione del tempo e sull'incidenza delle azioni.
Post recenti

Il disperso di Eugen Ruge: odissea nel politically correct

Oltre un certo limite tutto diventa ossessione
Il romanzo Il disperso di Eugen Ruge è perfettamente in linea con il nome di questo blog: ci sono uno stallo (standoff) e una situazione ingarbugliata (pulp).

Daredevil senza Daredevil: fine di una serie di successo

Leviamoci subito il dente: l’accordo tra Netflix e Marvel per lo streaming di Daredevil si è concluso dopo il 39 esimo episodio della serie, alla fine della terza stagione, nonostante sia lo show a tema supereroi con gli ascolti migliori sulla piattaforma. Marvel è da poco stata assorbita da Disney che ha tutto l’interesse a trasportare gli show più seguiti sulla sua nuova piattaforma di streaming, quindi, di fatto Matt Murdoch e il suo alter ego con le corna ci dicono addio. Quantomeno per quanto riguarda il volto che gli associamo: il bravissimo Charlie Cox che ha così commentato la notizia dopo settimane di silenzio:

Chiusa la parentesi divulgativa, quello di cui vorrei parlare in questo post è del perché questo show – a mio avviso – era il migliore tra quelli presenti su Netflix, perfino migliore del più corale The Defenders. E per molti aspetti questa serie è anche migliore di parecchi lungometraggi targati Marvel.

Bohemian Rhapsody: è questa la vita vera o è solo una fantasia?

E' questa la vita vera o è solo una fantasia?
Con questo verso Freddie Mercury apre uno dei brani più iconici di tutti i tempi ed è curioso che sebbene lui non potesse saperlo, diversi anni dopo la sua morte questo stesso verso sarebbe stata la migliore recensione possibile – e anche la più sintetica – del film che racconta la sua storia e quella dei Queen.
Io non sono sintetico come Freddie, mi serve qualche parola in più che potrete leggere di seguito.

Ghostbusters 3: Dan Aykroyd conferma il progetto

Se noti qualcosa di strano nel tuo quartiere, se assisti a qualcosa di inspiegabile, chi chiamerai?

Chiama il 555 2368

Se i libri potessero cantare [playlist in regalo]

Può essere che…
Si, può essere eccome: la canzone che stai ascoltando fa risuonare qualcosa dentro di te, riconosci un passaggio del testo, una parola o anche solo una sensazione che ti fa formicolare la pelle dietro la nuca.
Probabilmente il brano che ascolti è stato tratto da un libro che hai letto o di cui hai sentito parlare. Oppure sei pazzo.
Nel primo caso continua pure a leggere il post, nel secondo contatta un professionista bravo.

Se Watchmen diventa una serie TV..

Watchmen è da moltissimi considerato come il miglior adattamento cinematografico di una graphic novel mentre per tanti altri è solo un film coi supereroi riuscito male.

Questi ultimi si sbagliano, a mio avviso, ma in questo post non voglio parlare di considerazioni tecniche sul film diretto da Zack Snyder ma bensì della notizia che rimbalza da tempo sul web e che nelle ultime ore ha preso sempre più consistenza:
Watchmen diventerà una serie TV